d7f231802119c0bbea82e7b4afe35b19

Nel 1865 Moritz Gottschalk - nato nel 1840 - fondò un negozio di rilegatura nel piccolo villaggio di Marienberg nell'Erzgebirge (Germania). Dal 1873 in poi, produsse case di bambola e altri giocattoli. Quando due anni più tardi la ferrovia arrivò a Marienberg, la fabbrica divenne sempre più grande. Esportarono in Inghilterra, Francia, Paesi Bassi, Scandinavia e America. Ecco perché le case di bambola di Gottschalk si possono trovare in tutto il mondo. In alcuni capoluoghi c'erano showroom dei suoi prodotti e negli Stati Uniti c'era un'agenzia della sua ditta. Le sue case di bambola, e non solo, divennero famose nel mondo.
Gli stili architettonici di ogni periodo furono trasferiti alle case in miniatura. Le case di legno erano spesso decorate con carta litografica, che imitava le facciate del tempo. Le finestre ai lati dell'edificio erano talvolta solo disegnate sulla carta.
Fino al 1919 i tetti erano blu, dopodichè divennero rossi. Molte dollshouse sono state contrassegnate sul fondo con un numero che può essere trovato nei cataloghi.

ad54b078cb0b1b11c56aa0325836cf1a

L'inventiva dei progettisti era illimitata. Abbondantemente decorate, grandi e lussuose come i palazzi per bambole, ma anche piccoli cottage, case con ascensore, con giardini estraibili o incernierati, addirittura con luce elettrica, con tende da sole mobili, persino con case di bambola nelle case di bambola, ed ancora, roulotte, cucine pieghevoli. Poi arrivarono le scuole, i bagni, le scuderie, i garage (più tardi), i castelli, i negozi di qualsiasi tipo, dalla macelleria al farmacia, dalle magnifiche pasticcerie con caffetteria al grande magazzino o il mercato, o una fattoria, un aeroporto, un teatro o un giardino articolato in padiglioni.....

 

7fec7e2987d875aa9a4096ac09b2153a

75249b78d2062b23f35e33dda5cfb120

ac72435b0cd1ab0f979bb705bf944f0d

c66c631ea74a0b80a867c0475eaed633

f4200998cb93581b48ee0fe07ce1fbc4


Christian Hacker e Albin Schönherr furono gli altri produttori di dollshouse di fama mondiale di quel periodo. Schönherr era un ex dipendente di Moritz Gottschalk, e molte delle sue case di bambola sono appena distinguibili dalle case di Gottschalk. Inoltre, di lì in poi, altre aziende copiarono lo stile del periodo, complicando così l'identificazione ancora di più.

Nel 1905 morì Moritz Gottschalk, ma la società rimase di proprietà della famiglia, prima ad uno dei suoi figli, poi dalla sua vedova, poi dal suo nuovo marito, poi suo figlio ...

Durante le due guerre mondiali la produzione si fermò. Dopo la prima guerra mondiale ci volle un po 'di tempo prima di pubblicare un nuovo catalogo, ed i primi cataloghi assunsero lo stile pre-bellico. Ma dopo il 1923 vi furono solo modelli di nuova concezione.

Dopo la seconda guerra mondiale, la fabbrica si trovò nella zona orientale della Germania occupata e i sovietici smantellarono grandi parti di fabbriche ancora esistenti per spedirle in Unione Sovietica come una forma di risarcimento post bellico. Tuttavia, dal 1947, la società di Moritz Gottschalk ha costruì ancora case di bambola.
La fine della ditta che era rimasta attiva per lungo tempo, arrivò nel 1972, quando tutte le rimanenti imprese private della Repubblica democratica tedesca furono espulse e nazionalizzate. Le aziende del giocattolo furono incorporate nell'impresa nazionale VERO. Per alcuni anni continuarono a costruire parti singole di giocattoli a Marienberg, poi la fabbrica storica fu parzialmente distrutta da un incendio. Gli edifici rimanenti sono stati demoliti nel 1999 per fare spazio ad una sala sportiva.

51gfR7pl9rL

 

Bibliography:

1994, Evelyn Ackermann, The genius of Moritz Gottschalk, Gold Horse Publishing.

Photos from Web