Carissime amiche,

innanzitutto un grazie a tutte voi per l'affetto che mi avete dimostrato scrivendomi messaggi, nei lunghi mesi di assenza dal blog.Voi già sapete che l'esilio era una necessità dettata da impegni di lavoro e di studio.Chi mi ha seguito in Fb invece ne era già al corrente. Da ottobre a giugno, sono stata full-immersion nell'insegnamento. Quattro pomeriggi a settimana del mio tempo, erano dedicati alle allieve del laboratorio del giocattolo " Giocando si Impara", e dal corso di Storia del Gioco e del Giocattolo, che ho tenuto presso le strutture UNI3. Il corso ha ottenuto un ottimo successo, ed è terminato con una mostra davvero riuscitissima.

La mostra era già stata preceduta da una piccola anteprima a Natale, e da un bellissimo articolo pubblicato in un giornale a tiratura quadrimestrale che ci aveva dato grande spazio con foto ed articoli scritti anche dalle partecipanti al corso. Tutti i lavori presenti in mostra, sono stati da me progettati e sviluppati con l'aiuto delle mie bravissime allieve, le "mie ragazze", che ringrazio. Argomento della mostra, era il percorso di studio: dalle streghe ispirate dai "Paesani" di Bernard Ravca ( needle sculpting), alle Amish "apple head" (primitive), alle bambole Waldorf  ( Steiner ) e per finire la novità: delle bambole progettate e sviluppate attorno al tema di Alice nel paese delle Meraviglie( M.Chase doll ), che meritano però un post a parte. Con mia grande sorpresa le più gettonate sono state le bambole Amish, non c'è stata persona che non le abbia lodate per originalità e novità dell'interpretazione.

La grande affluenza alla mostra(solo nel libro presenze hanno lasciato traccia del loro passaggio in 170), ha richiamato l'attenzione anche di una TV locale e siamo andate "in onda" in un Tg regionale, con un servizio dal titolo: "Bambole con l'Anima" che è visibile in rete in YouTube...che emozione!

Ad ottobre, ritornerò ad insegnare, questa volta con un numero di allieve tre volte superiore ed un numero di corsi raddoppiato e quindi non so bene quanto potrò essere in rete per allora. Per adesso, mi godo questi giorni di vacanza, anche se la mente non smette di progettare nuove cose. Ho avuto anche con mia grande soddisfazione alcune proposte di lavoro molto allettanti, forse per la novità dell'argomento trattato, ma questa è altra storia..

Questo per quanto riguarda "il lavoro". Come "libera cittadina" ho partecipato nel frattempo ad una esposizione di disegni indetta dalla Municipalità di Favaro Veneto e devo dire, che è stata una gran bella soddisfazione vedere i miei disegni in mostra. Per quanto riguarda la famiglia, sapete che un nuovo amico a quattro zampe fa parte del nostro nucleo familiare. Il nostro piccolo Joy cresce, un monellino da non credere, ma questo fà parte del suo ruolo di cucciolo vivacissimo ed intelligentissimo. Gli Aussie sono tutti un pò pazzi......come i loro proprietari...ehehhe

Ma adesso, come vi preannunciavo nel titolo, alcune foto, della mostra, scattate da Daniele Favero, classe 2000, un vero enfant prodige, con già al suo attivo una mostra fotografica dal titolo " Io e te emozionando" . Si avete letto bene, 14 anni ed un talento naturale per la fotografia che spero nutra e mantenga nel tempo. Ho voluto che tra le tante foto scattate alla mostra, anche da professionisti, ci fossero quelle ....dalla parte di un bambino.....non me ne vuoi vero Daniele se ti chiamo bambino....giusto??? Anche a te un grande grazie per aver visto la mostra con occhi speciali....

Non vi tedio oltre, ci leggiamo presto e vi lascio con alcune foto, davvero "piccola dose" di mesi di assenza...

Ciaooooo! A presto.....

DSC_0555

DSC_0563

DSC_0589

DSC_0586

DSC_0614

 

DSC_0616

 

DSC_0592

DSC_0603

DSC_0604

DSC_0644

Tutte le foto apparse in questo post sono di Daniele Favero(c)

Le foto ed i soggetti fotografati sono di proprietà del blog La Soffitta e dell'autore DF(c)

e ne è vietata la riproduzione anche se parziale se non previo consenso del relativo proprietario.